ISCRIZIONE ALL’ALBO

La domanda di iscrizione all’Albo è diretta all’Ordine dei Chimici e dei Fisici nella cui circoscrizione il richiedente ha la sua residenza o il domicilio o l’esercizio della propria attività professionale.

 

Decreto del Ministero della salute 23 marzo 2018 “Ordinamento della professione di Chimico e di Fisico”

Art. 2

“L’iscrizione all’Albo è subordinata al possesso dei requisiti di cui all’ art. 5, comma 3 del D.Lgs del Capo provvisorio dello Stato 13 settembre 1946, n. 233 e successive modificazioni.

  1. L’iscrizione all’Albo è accompagnata dalle dizioni: «sezione A- Chimica», «sezione A – Fisica», «sezione B – Chimica», «sezione B – Fisica».
  2. Agli iscritti alla sezione A dell’Albo spettano i seguenti titoli professionali:
  3. a) agli iscritti al settore Chimica spetta il titolo di «Chimico»;
  4. b) agli iscritti al settore Fisica spetta il titolo di «Fisico».
  5. Agli iscritti alla sezione B dell’Albo spettano i seguenti titoli professionali:
  6. a) agli iscritti al settore Chimica spetta il titolo di «Chimico Iunior»;
  7. b) agli iscritti al settore Fisica spetta il titolo di «Fisico Iunior».

 

Allegato al Decreto del Ministero della Salute 23 marzo 2018 “Ordinamento della professione di Chimico e di Fisico”

 

TABELLA  A

Titoli di studio che permettono l’iscrizione alla sezione A – settore chimica

Laurea magistrale in una delle seguenti classi:

LM 13 farmacia e farmacia industriale;

LM 54 scienza chimiche;

LM 71 scienze e tecnologie della chimica industriale.

Laurea specialistica in una delle seguenti classi:

Classe 14/S farmacia e farmacia industriale;

Classe 62/S scienze chimiche;

Classe 81/S scienze e tecnologie della chimica industriale.

Diploma di laurea conseguito in base agli ordinamenti previgenti:

diploma di laurea in chimica;

diploma di laurea in chimica industriale;

diploma di laurea in chimica e tecnologie farmaceutiche o in chimica e tecnologia farmaceutiche;

diploma di laurea in farmacia.

TABELLA  B

Titoli di studio che permettono l’iscrizione alla sezione B – settore chimica

Laurea in una delle seguenti classi:

L 27 – scienze e tecnologie chimiche;

L 29 – scienze e tecnologie farmaceutiche;

Laurea in una delle classi:

Classe 21 – scienze e tecnologie chimiche;

Classe 24 – scienze e tecnologie farmaceutiche.

TABELLA  C

Titoli di studio che permettono l’iscrizione alla sezione A – settore fisica

Laurea magistrale in una delle seguenti classi:

Classe LM 17 – fisica;

Classe LM 58 – scienze dell’universo;

Classe LM 44 – modellistica matematico-fisica per l’ingegneria.

Laurea specialistica in una delle seguenti classi:

Classe 20/S – fisica;

Classe 66/S – scienze dell’universo;

Classe 50/S – modellistica matematico-fisica per l’ingegneria.

Diploma di laurea conseguito in base agli ordinamenti previgenti:

Diploma di laurea in fisica.

TABELLA  D

Titoli di studio che permettono l’iscrizione alla sezione B – settore fisica

Laurea in una delle seguenti classi di:

Classe L30 – scienze e tecnologie fisiche.

Diploma di laurea conseguito in base agli ordinamenti previgenti nella seguente classe:

Classe 25 – scienze e tecnologie fisiche.

 

Decreto del Ministero della Salute 23 marzo 2018

Disposizioni transitorie

Art. 6

(Omissis)

  1. In via transitoria, per un anno e comunque fino all’adozione di specifico regolamento recante modifiche e   integrazioni   della disciplina dei requisiti per l’ammissione all’esame di Stato e  delle relative prove  per  l’esercizio  della  professione  di  chimico,  i Consigli direttivi degli Ordini dei chimici e dei fisici  provvedono, su domanda, all’iscrizione alla sezione A – settore  Chimica  e  alla sezione  B  –  settore  Chimica,  di  coloro  che  hanno  conseguito, rispettivamente, uno dei titoli di studio di cui alle tabelle A  e  B allegate al presente decreto e che  dimostrino:  a)  di  svolgere  da almeno cinque anni attività di professore universitario di  ruolo  o aggregato, ovvero ricercatore o loro equiparati degli enti di ricerca nazionali; b) oppure di svolgere o aver svolto per almeno cinque anni attività di dirigenti  ovvero  di  dipendenti  di  enti  pubblici  o privati  nel  profilo  professionale  di  chimico,  rientranti  nella contrattazione collettiva del comparto sanità’; c) oppure di svolgere da almeno cinque anni attività’ come dirigenti o dipendenti  pubblici o privati nel profilo  professionale  di  Chimico,  rientranti  nella contrattazione collettiva di  altri  comparti;  d)  oppure  di  avere svolto da almeno cinque anni l’attività’ di esperto  qualificato  con relativa iscrizione all’elenco ai sensi del  decreto  legislativo  17 marzo 1995, n. 230.
  2. In via transitoria, per un anno e comunque fino all’adozione di specifico  regolamento  recante modifiche   e   integrazioni   della disciplina dei requisiti per l’ammissione all’esame di Stato e  delle relative  prove  per  l’esercizio  della  professione  di  fisico,  i Consigli direttivi degli Ordini dei chimici e dei fisici  provvedono, su domanda, all’iscrizione alla sezione A –  settore  Fisica  e  alla sezione  B  –  settore  Fisica,  di  coloro  che  hanno   conseguito, rispettivamente, uno dei titoli di studio di cui alle tabelle C  e  D allegate al presente decreto e che  dimostrino:  a)  di  svolgere  da almeno cinque anni attività’ di professore universitario di  ruolo  o aggregato, ovvero ricercatore o loro equiparati degli enti di ricerca nazionali; b) oppure di svolgere da o aver svolto  per  almeno cinque anni attività’ di dirigenti ovvero di dipendenti di enti  pubblici  o privati  nel  profilo  professionale  di  Fisico,  rientranti   nella contrattazione collettiva del comparto sanità’; c) oppure di svolgere da almeno cinque anni attività’ come dirigenti o dipendenti  pubblici o privati nel  profilo  professionale  di  fisico,  rientranti  nella contrattazione collettiva di  altri  comparti;  d)  oppure  di  avere svolto da almeno cinque anni l’attività’ di esperto  qualificato  con relativa iscrizione all’elenco ai sensi del  decreto  legislativo  17 marzo 1995, n. 230; e) oppure aver conseguito la specializzazione  in fisica medica o fisica sanitaria.

 

Per completezza si rinvia all’esame della normativa vigente.